Marsala

Dettaglio

Marsala è una località tutta da gustare. Dal centro storico baroccheggiante alle sue Saline, fino all’isola di Mozia, scoprirla a sorsi lenti lascia un piacevolissimo retrogusto di…vino. Sorge nel punto più occidentale della Sicilia, in provincia di Trapani, ed è celebre nei libri di storia per lo sbarco dei Mille.Il suo centro storico è raccolto e si può esplorare a piedi in un paio di ore. Da Porta Garibaldi, l’11 maggio 1860, passarono Giuseppe Garibaldi e i Mille. Insieme a Porta Nuova, sono le due porte storiche ancora visibili in città.

Da Piazza Matteotti a Porta Nuova, si “struscia” in Via XI Maggio, chiamata il Cassaro. Rappresenta insieme a Via Garibaldi, uno dei corsi principali di Marsala. L’atmosfera è molto suggestiva, sia al mattino che alla sera.

Lungo la via, da un lato e dall’altro, si affacciano negozi di souvenir, negozi di abbigliamento, bar, panifici, ristoranti. Ci si può insomma sbizzarrire tra shopping o dolci soste per soddisfare un improvviso languorino.

Sull’elegantissima Piazza della Repubblica, il cuore della città, si affaccia la maestosa Chiesa Madre dedicata a San Tommaso di Canterbury. La sua costruzione fu avviata in epoca normanna, del quale si riconosce lo stile soprattutto all’interno. La facciata esterna invece è in stile barocco. La leggenda narra che una nave diretta in Inghilterra con un carico di colonne corinzie dovette approdare sulle coste siciliane a causa di una tempesta, così fu deciso di dedicare al Santo di Canterbury la chiesa destinata a diventare la più importante della città.

Una visita alle chiese “minori” include la Chiesa del Purgatorio, con la sua superba facciata barocca a due ordini, e la Chiesa dell’Addolorata, la cui costruzione è legata a un miracolo. 

Mentre si passeggia, sontuosi edifici come Palazzo Burgio-Spanò catturano lo sguardo. E ancora Palazzo Fici, tra i più antichi e prestigiosi immobili che si affacciano sulla Via XI Maggio, con il suo spettacolare cortile acciottolato. Eletto a luogo-simbolo di ”Marsala, Città del Vino”, ospita infatti l’Enoteca comunale.

Alle spalle della Chiesa Madre, il piccolo e curioso Museo degli Arazzi Fiamminghi  custodisce una serie di arazzi del XVI secolo in cui sono narrate le gesta di Vespasiano e del figlio Tito. Vicino Porta Garibaldi, lungo la via omonima, quello che di giorno è il mercato del pesce, di sera si trasforma nel centro gravitazionale della movida e del divertimento, con numerosi localini dove poter bere e mangiare qualcosa fino a tardi.

Uscendo dal centro storico da Porta Nuova, Villa Cavallotti è una striscia di verde urbano che offre refrigerio in estate, i cui giardini culminano su di un bastione.Giunti sul lungomare, dove è possibile mangiare e rilassarsi in uno dei tanti localini, si gode di una vista magnifica sulle Egadi in lontananza. Si può osservare il Monumento ai Mille su cui sono riportati i nomi dei Mille che sbarcarono a Marsala. 

Proseguendo si arriva a Capo Boeo, l’estrema punta occidentale della Sicilia, dove si trova il Museo Archeologico Regionale di Lilibeo Marsala – Baglio Anselmi , un ex stabilimento vinicolo, che fa parte del Parco Archeologico di Lilibeo, uno dei tre Parchi Archeologici del Trapanese . Ospita il relitto di una nave punica e qui si potrà conoscere la storia di Lilibeo (l’antica Marsala).

Ma se parliamo di Marsala, viene subito in mente il famosissimo vino liquoroso DOP, tra i più rinomati vini siciliani. Il suo profumo intenso con lievi cenni di vaniglia, miele bruciato e nocciola tostata, ben si sposa con golosità come cassateddi con fichi secchi e mustazzoli al vino cotto. Consigli su cosa ordinare al ristorante? Non perdetevi il cous cous , la pasta con le sarde  la pasta c’anciova , le busiate al ragù di tonno: qui il pesce è freschissimo!

Condividi questo contenuto!

LOCALIZZAZIONE

LUOGHI

STAGIONI