Presepi viventi di Sicilia

Dettaglio

Le vacanze del periodo natalizio ci possono spingere ad uscire dalle comode e calde case per metterci in cammino verso borghi e paesaggi naturalistici mai esplorati. L’occasione migliore per scoprire e godere della Sicilia durante il Natale, dunque, può essere la visita ai suoi numerosi presepi viventi.

Le cave e le grotte, i borghi e i paesi arroccati, sono delle ambientazioni perfette per ospitare la ricostruzione della Natività. Scopriamo allora dove trovarli.

Nel ragusano, ad Ispica, il presepe prende vita nelle caratteristiche grotte della Cava d’Ispica. Oltre alla natività vengono evocati tramite la rappresentazione vivente anche gli antichi mestieri: dalla bottega degli artigiani del ferro (firrari) a quella della lavorazione dei canestri di vimini (cannizzari), dagli artigiani dei carretti (carrittieri) ai costruttori delle botti (uttari). Il tutto circondato dallo spettacolo naturalistico mozzafiato della Cava. Vi sembrerà di compiere un vero e proprio viaggio nel tempo.

Sempre nel ragusano, si trova il presepe vivente di Giarratana e di Monterosso Almo: in entrambi i paesi, le strade del centro vengono allestite per ricreare l’atmosfera di semplicità e condivisione del passato.

Spostandoci di qualche chilometro, nel siracusano tra Avola e Cassibile, si arriva al presepe vivente della riserva di Cavagrande, nei cosiddetti laghetti di Avola (apprezzata meta turistica estiva per bagni ed escursioni). Nel catanese, a Licodia Eubea è possibile degustare vini e prodotti tipici della tradizione passeggiando tra le botteghe e gli odori dei forni del piccolo borgo etneo. Continuando il viaggio nel tempo, nel paese di Sutera, nella provincia di Caltanissetta, il presepe viene allestito nel quartiere Rabato (il quartiere arabo della città). Il Natale qui assume un’atmosfera tutta particolare e multietnica, con il presepe allestito tra le case di gesso e i dammusi arabi. 

Andando verso il messinese, a Castanea delle Furie, un piccolo villaggio sui colli S. Rizzo, il presepe prende vita all’interno dei giardini della Villa Costarelli, che si presta perfettamente a ricreare l’atmosfera orientale del palazzo di Erode.

Altri presepi nei piccoli borghi medievali arroccati sulle Madonie palermitane, sono l’occasione giusta per passare dai paesi di Gangi e Collesano. Il nostro viaggio, infine, si conclude nel trapanese, nel paese di Custonaci, negli antichi insediamenti preistorici delle grotte di Scurati. Questo presepe vivente è uno tra i più importanti dell’isola, tanto da essere inserito nel 2006 nel registro delle Eredità immateriali della Sicilia.

Condividi questo contenuto!

LOCALIZZAZIONE

DURATA

Distanza

Difficoltà

Stagioni

NEI DINTORNI

  • placeholder

    I vini del sud

    La Sicilia è un'isola da gustare, si sa: ma oltre allo street food, ai ricchi piatti della tradizione e ai [...]

  • placeholder

    Da Palermo a Caccamo in bici

    Giovanni Guarneri è l’ideatore e presidente dell’Associazione Culturale Ciclabili Siciliane, ente no profit che promuove il cicloturismo in Sicilia. Pedaliamo insieme [...]

  • placeholder

    Sicilia in moto

    Un tour della Sicilia in moto è un’avventura meravigliosa. Viaggiare per le strade, da costa a costa, da città in [...]