Levanzo – Cala Minnola

Dettaglio

Nella prima metà del I secolo a.C., di fronte a Cala Minnola sull’isola di Levanzo, una nave romana carica di anfore vinarie affondò, custodendo ancora i segreti del suo tragico destino a 27 metri di profondità. Recuperati nel 2005, i resti del carico, tra cui anfore e frammenti di vasellame, offrono testimonianze preziose del passato.

Le anfore, rivestite di pece, indicano il trasporto del vino, con l’ipotesi che potessero contenere anche il garum: una pregiata salsa di pesce che gli antichi Romani aggiungevano come condimento a molti piatti. Una di esse porta il bollo “PAPIA“, forse il nome di una famiglia romana importante nel commercio del vino.

Questo relitto, ancora intatto sul fondale marino, offre agli appassionati di storia e subacquei una finestra sul passato, con un sistema di telecontrollo che trasmette le immagini dei fondali direttamente a Favignana.

Scopri di più sul sito della Soprintendenza del Mare.

Condividi questo contenuto!

LOCALIZZAZIONE

DURATA

Distanza

Difficoltà

Alta

Luoghi

Stagioni

Categorie

NEI DINTORNI

  • Itinerari di Archeologia subacquea

    Siete degli appassionati delle profondità marine, sempre alla ricerca di nuovi tesori sommersi da scoprire? La Sicilia ha ventuno itinerari [...]

  • Sicilia a Vela

    Sole, mare e vento in poppa. In Sicilia una vacanza in barca è un’esperienza che va vissuta con i tempi [...]

  • placeholder

    Marettimo – Relitto dei Cannoni

    Situato a nord di Punta Libeccio, presso Cala Spalmatore, il relitto di una nave da guerra del 1700 offre un'emozionante [...]