Mille tracce storiche nobilitano Randazzo, luogo ameno di origine e cultura medievale con retaggi greci, romani, bizantini, ebrei, arabi, normanni e aragonesi.
Una medaglia d’argento al merito civile commemora i bombardamenti subiti nel corso del secondo conflitto mondiale.

Dominando la grandiosa Valle dell’Alcantara, sorge sul versante settentrionale dell’Etna ed è strategico crocevia tra le province di Catania, Messina ed Enna.

Randazzo centro storico

Centro storico di Randazzo – ph. Giuseppe Spina

Trekking, quad, passeggiate a cavallo, escursioni nel Parco dei Nebrodi, visita alle grotte laviche vicine e sci a Piano Provenzana rendono questo centro meta ideale per il turismo sportivo.

Non mancano sapori tipici: dalle busiate al ragù di maiale alle paste di mandorla e nocciola, dai buccellati ripieni di fichi secchi alle granite dai gusti meno noti, ciliegie mastrantonio, pesche tabacchiere, lamponi bianchi e fragole della vicina Maletto.

Le fragole di Maletto – ph. Paolo Barone