L’Opera dei Pupi

Dettaglio

L’Opera dei pupi è un particolare teatro di marionette affermatosi in Italia meridionale e in particolare in Sicilia agli inizi del 1800, oggi dichiarato capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità UNESCO.

È la rappresentazione teatrale dei poemi della letteratura francese medievale della Chanson de Roland o dell’Orlando Furioso, degli scontri tra i cavalieri e i mori, in cui i pupi sono l’espressione e il simbolo del desiderio di riscatto e di giustizia di una classe sociale.

L’Opera dei Pupi è strettamente legata ad altre forme espressive come quelle dei Cantastorie e dei Cantàri che hanno divulgato le vicende cavalleresche con il cuntu (il racconto).  Le avventure di questi eroi cavallereschi vengono narrate a episodi.
Mentre il contastorie affronta temi di natura epica attraverso la recitazione, il cantastorie racconta la stessa storia attraverso il canto.

L’Opera dei Pupi è caratterizzata dalla trasmissione di una serie di codici di condotta piuttosto antichi che comprendono il senso dell’onore, la cavalleria, la difesa della giustizia e della fede e la necessità di primeggiare.

Fondamentale per mettere in scena l’opera è il Puparo, il quale, utilizzando un particolare timbro di voce, crea atmosfere suggestive e cariche di tensione, che sono proprie delle scene epiche. Il Puparo recita a canovaccio, esegue cioè una recitazione basata sulla improvvisazione, seguendo una traccia della trama.
In passato la rappresentazione si concludeva con una farsa: uno spettacolo di marionette in cui i toni usati dai personaggi erano licenziosi e allegri, come nella tradizione favolistica siciliana. Talora i pupari comunicavano contenuti poco graditi alle autorità, utilizzando il baccagghiu (baccaglio), un gergo noto ai malavitosi.

Il pupo siciliano trae origine dalla marionetta classica europea ma si differenzia da quest’ultima: il burattino classico europeo viene mosso da lunghi fili di corda, mentre il pupo siciliano si manovra tramite due bacchette in ferro, una delle quali è collegata alla mano e l’altra passa all’interno della testa. Sono inoltre presenti quattro fili di corda per consentire al pupo l’atto di sfoderare la spada, muovere la mano sinistra e alzare la visiera del proprio elmo.

I pupi hanno strutture in legno finemente cesellate e sono dotati di vere e proprie armature di metallo le cui lastre sono singolarmente create e lavorate, poi saldate ed infine ornate. La fase di lavorazione finale prevede la montatura del pupo che si compone di nove parti, tra cui mani, pugni, gambe, busto etc.

I pupi della scuola palermitana sono leggeri e snodabili, misurano circa ottanta centimetri d’altezza e hanno un’asta di ferro all’interno che passa attraverso il busto e la testa per sostenerli.

C’è poi un’altra verga di ferro posta nel braccio destro che consente il movimento e un filo che scorre attraverso la mano chiusa che permette al burattino di estrarre e sostituire la spada.

Un filo collegato al ginocchio sinistro consente al pupo di genuflettersi, articolare passi e così via.

I pupi della scuola catanese hanno gli arti fissi, sono caratterizzati da un’altezza che si aggira intorno a un metro e venti /trenta centimetri e possono arrivare a pesare fino a 16 kg. Un’asta di ferro principale ed una secondaria consentono di muovere il braccio destro con la spada.

I pupari di Catania manovrano le scene sugli assi chiamati “ponte di manovra”, che è posto dietro il fondale.

TEATRI DEI PUPI IN SICILIA

Associazione Culturale e Teatrale “Carlo Magno” di E. Mancuso

Via Collegio di Santa Maria, 17 – Palermo

Tel. +39 091814 6971 – +39 03475792257

Associazione “I Pupi di Nino Canino”

presso Real Cantina Borbonica – Partinico

Tel. 334 1484944 email: assopupicanino@libero.it

Figli D’Arte Cuticchio

Via Bara All’Olivella 95 – 90133 Palermo

Tel. +39 091323400 – Fax 091335922

Museo Internazionale delle Marionette A. Pasqualino

Via Butera 1 – 90133 Palermo

Tel. +39 091328060 / Fax 091328276

Opera dei Pupi di Vincenzo Argento e figli

Via Vittorio Emanuele, 445 – Palermo

Tel. +39 0916113680 – +39 03332935028

Teatro Kemonia di Franco Cuticchio

Via Dei Benedettini n 9 Palermo

Tel. +39 3515490399

Marionettistica Fratelli Napoli

Via Reitano, 55 – 95121 – Catania

Tel. +39 095341052

Opera dei pupi di Turi Grasso

Via Nazionale per Catania, 195 – 95024 Acireale (CT)

Tel. +39 0957648035 – +39 3478061464 – +39 3291189522 – info@operadeipupi.com

Mostra Permanente dell’Opera dei Pupi

Via Alessi, 5 – 95024 Acireale (CT)

Tel. +39 095 7685611

Teatro Museo dei Pupi Siciliani

Locali Pro-Loco Giarre, p.za Mons. Alessi, 8 – 95014 – Giarre (CT)

Tel. +39 095 9704257 – fax 095 7798557

Compagnia Marionette Don Ignazio Puglisi

Via Catullo 2 – Sortino – Siracusa

Tel. +39 0931956163

Compagnia dei Pupari Vaccaro Mauceri

Ernesto Puzzo – Via Giudecca, 5 – Siracusa

Tel/fax +39 0931465540

Opera dei Pupi di G. Canino

Via S. Ippolito, 16/c – 91011 Alcamo (TP)

Tel. +39 0924506354

Condividi questo contenuto!

LOCALIZZAZIONE

STAGIONI