Le zeppole di riso siciliane (dolce di origine catanese) sono delle frittelle di riso inventate dalle monache del Monastero dei Benedettini di Catania nel XVI secolo. A Catania, infatti, sono conosciute anche come “crespelle di riso alla benedettini” o “benedettine”.

Il loro sapore è gustosissimo e amabile, grazie all’impasto di riso, latte e scorza d’arancia che le rende particolarmente delicate. Il miele all’arancia che le ricopre è il tocco di classe. Nella tradizione siciliana questi dolci venivano preparati in occasione della Festa di San Giuseppe, il 19 marzo, o a Carnevale. Oggi, invece, si preparano tutto l’anno e consentono di chiudere in dolcezza qualsiasi pasto domenicale o festivo.

Ecco la ricetta delle Zeppole di riso

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 3100 ml latte
  • 25 g sale
  • 1 kg riso
  • 700 g farina
  • 10 g lievito di birra
  • 100 g zucchero
  • Buccia grattugiata di 4 arance
  • Olio per friggere

Per la guarnizione:

  • Miele d’arancia
  • Zucchero a velo
  • Cannella in polvere (secondo i gusti)

Istruzioni:

Mettere in ebollizione 2 ½ l di latte aromatizzato con la scorza d’arancia e il sale. Aggiungere il riso e fare cuocere a fuoco lento senza mescolare, fino a completo assorbimento del latte. Lasciare raffreddare e lievitare per un paio d’ore.

Preparare in una spianatoia la farina a fontana. Aggiungere il riso freddato e il lievito. Unire il resto del latte tiepido (600 g circa) dentro il quale avrete fatto sciogliere lo zucchero. Amalgamare il tutto e aggiungere la scorza grattugiata di 2 arance, fino ad ottenere un impasto dalla giusta consistenza (non troppo liquida né troppo solida).

Staccare piccole porzioni dell’impasto, modellarle in tanti cilindretti spessi quasi un dito e versarle nell’olio già caldo a 180°. Dopo aver fritto tutto l’impasto, ripassare le zeppole nell’olio caldo in modo da renderle croccanti.

Servire con miele d’arancia, una spolverata di zucchero a velo e cannella in polvere (se di vostro gradimento).

☑️  Sicilia. Sapori da non perdere