Portare i nostri amici a quattro zampe con noi non è sempre agevole, soprattutto in spiaggia.

La Sicilia è una regione che accoglie a braccia aperte i cani e i loro padroni, con tante spiagge ad hoc che permettono a tutti di godersi il mare e l’aria aperta; vediamone alcune.

priolo gargallo - pet friendly - Mikystar - CC BY SA 3.0

Priolo Gargallo – pet friendly – Mikystar – CC BY SA 3.0

A Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa, si trova la Bau Bau Beach con i suoi tre chilometri di spiaggia ad ingresso gratuito (si paga soltanto il parcheggio) e tante opportunità per chi arriva con il proprio cane a guinzaglio: dal mini percorso agility ai gazebo didattici dove si tengono lezioni e si organizzano giochi per migliorare il rapporto tra i quattro zampe e i loro padroni, anche bambini. Iniziative e concorsi sono all’ordine del giorno e all’ingresso vengono consegnati una ciotola per l’acqua e un sacchetto per le deiezioni. Qui gli animali possono usufruire anche delle docce e se necessario dell’assistenza veterinaria.

A Messina troviamo il Lido vengo anch’io e la Spiaggia di Pluto. Un’altra Bau Bau Beach è a Brolo, sempre in provincia di Messina: anche questa è gratuita con campo di agility-dog, aree ombreggiate, possibilità di bagno, doccette personalizzate e l’ice bau, gelato senza zucchero fatto apposta per i cani.

spiaggia vulcano - pet friendly 2 - Hein56didden - CC BY 3.0

spiaggia Vulcano – pet friendly 2 – Hein56didden – CC BY 3.0

A Vulcano, isola delle Eolie famosa per il suo paesaggio e per i fanghi terapeutici, il Lido sabbie nere e acque calde permette l’accesso gratuito e il bagno in acqua ai cani di qualsiasi taglia.

A Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, c’è la Bau Beach che d’estate diventa animal friendly.

A Catania troviamo la dog beach Lido Azzurro.

Per conoscere indirizzi, contatti ed informazioni specifiche sulle spiagge dedicate ai nostri amici a quattro zampe, consigliamo di consultare l’elenco sottostante, aggiornato annualmente dall’associazione Sicilia Turismo per Tutti, impegnata in progetti di ospitalità accessibile ed ecosostenibile in tutto il territorio siciliano.

Scarica l’elenco Spiagge animal friendly

Ricordiamo infine di evitare le ore più calde, non lasciare mai il cane da solo e di portare sempre con sé una buona dose d’acqua fresca.

Spiaggia di Avola

Spiaggia di Avola – Elisa Bellafiore

Cassetta per gli attrezzi

Garze, alcol, bende, cerotti e fasce elastiche, acqua ossigenata per la disinfezione, sapone di Marsiglia, disinfettante per ferite da morsi, soluzione fisiologica per occhi, pomata antibiotica generica per le ferite, pinzette da depilazione per togliere zecche, tagliaunghie, siringhe, forbici piccole e a punta, stecca per fasciare rigidamente un arto, antiparassitario, repellenti per pappataci

VACCINAZIONI – Utile sapere – Spostamenti

Anche se in Italia non è obbligatorio il certificato di vaccinazione antirabbica (però in alcune regioni è richiesto) è consigliabile, quando viaggiamo in compagnia del nostro animale, portarsi dietro il libretto sanitario rilasciato dal veterinario sul quale sono registrate le vaccinazioni. Se viaggiamo in Europa, Usa o Canada dobbiamo munirci di un Certificato internazionale di Origine e Sanità rilasciato dalla ASL o da un veterinario ufficialmente autorizzato.
Il certificato dovrà attestare che: 1) il cane è stato vaccinato contro la rabbia da meno di undici mesi e più di venti giorni; 2) il cane è stato visitato il giorno del rilascio del certificato e riconosciuto clinicamente sano. 
Questo certificato è valido per 30 giorni dalla data del rilascio. In alcuni Paesi vigono norme ancora più severe sulle quali si possono avere informazioni dettagliate rivolgendosi direttamente al servizio veterinario. Spesso sono anche previsti dei periodi di quarantena, di durata variabile da Paese a Paese, in cui l’animale viene separato dal padrone e tenuto presso un’apposita struttura sanitaria.


In Auto:
La normativa di riferimento per viaggio in auto con il cane in Italia è il Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modifiche) e più precisamente al TITOLO V – Norme di comportamento – Art. 169. Trasporto di persone, animali e oggetti sui veicoli a motore – comma 6 dell’Art.169.
In Treno:
In Italia è consentito il trasporto in treno di cani purché si seguano le regole legate anche al tipo di treno utilizzato per lo spostamento e alle dimensioni dell’animale. Per i cani guida per non vedenti viaggiano in qualunque treno e classe gratuitamente e sono soggetti, al massimo, a dover portare la museruola.
In Aereo:
Tutte le compagnie aeree consentono, in genere, il trasporto di cani e altri piccoli animali ma ciascuna adotta regole diverse per cui è opportuno informarsi con largo anticipo.
In caso di cani per non vedenti vengono imbarcati col passeggero purché muniti di museruola e guinzaglio: in questo caso il trasporto è gratuito anche se, comunque, si dovrà segnalare la presenza del cane all’ufficio prenotazione della compagnia aerea; cane e padrone saranno imbarcati per primi e sistemati adeguatamente l’uno accanto all’altro.
In Nave:
Generalmente non è un problema portare i nostri cani a bordo di navi o traghetti destinati a brevi traversate: basta avere a portata di mano il certificato di buona salute. 
Su alcune imbarcazioni esistono apposite gabbie o “canili di bordo”, dove è obbligatorio rinchiudere il nostro cane di grossa taglia; se è di piccola taglia può passeggiare sul ponte, tenuto al guinzaglio e dormire in cabina (prenotata per intero). 
Alcune compagnie richiedono anche l’uso della museruola

☑️   Il Mare di Sicilia in Treno  scopri la mappa