Descrizione Progetto

1 – Il Barocco grandioso di Casa Professa

Per ogni dove si estende un manto ininterrotto di decorazioni, composto dagli elementi più diversi: fiori, frutta, foglie, animali, puttini, in un intarsio marmoreo di estrema mobilità e grazia, in una gamma infinita di colori.
La Chiesa del Gesù, meglio conosciuta come Casa Professa, sorge su un rialzo ricco di anfratti tenebrosi dove, secondo la tradizione, un tempo si rifugiavano santi eremiti e dove ancora si trovano catacombe paleocristiane. La prima costruzione sul poggiolo fu un convento di monaci basiliani, edificato nel IX secolo. A partire da quella data furono diversi gli edifici costruiti in questo luogo, fra i quali cinque chiese che furono assorbite dalla prima chiesa dei Gesuiti, fondata nel 1564. A sua volta, questa chiesa fu inglobata in un’altra, la cui costruzione fu intrapresa nel 1591 e terminata nel 1633. Un violento bombardamento, nel 1943, distrusse gran parte del prestigioso monumento.

Chiesa di Casa Professa – ph. Mannarano

I restauri hanno portato al ripristino di quasi tutti gli stucchi e gli affreschi, restituendo alla chiesa il suo aspetto originario. L’interno fonde il rigore tardo rinascimentale alla nuova spazialità barocca.
Info e orari di apertura

2 – Le stanze al Genio

Il nome si riferisce alla vicina Fontana del Genio di Palermo, a Piazza Rivoluzione. Varcato il grande portale, già per le scale saremo attratti dalla ricca pavimentazione e dagli affreschi originali del palazzo della fine del XVIII secolo.Quello che si presenterà davanti a noi è una collezione unica al mondo di oltre 2300 mattonelle di maiolica italiane. Sono le tessere di un enorme puzzle artistico provenienti dal sud Italia e soprattutto dalla Campania e dalla Sicilia,  di un periodo che va dalla fine del XVI secolo agli inizi del XX. I collezionisti, proprietari del palazzo, ci condurranno in un mondo dove l’arte ha le misure di un piccolo quadrato calpestabile.
Visita la Casa Museo Stanze al Genio

3 – Passeggiare a Mondello

Una sabbia abbagliante, molto chiara, fa da tavolozza al mare, al sole e alle nuvole che dipingono infinite tonalità, dal turchese al verde smeraldo. Colori che restano impressi nella memoria. Una spiaggia lunga con un dolce declino nel mare che offre, dalla primavera all’autunno, una balneazione sicura anche per i meno abili nel nuoto e per  i bambini.

La passeggiata sul lungomare sotto gli alti pini marittimi, tra palme e sporadiche villette Liberty, ci consentirà di mettere in ordine i pensieri, chiacchierare, fare jogging o semplicemente respirare il benefico odore del mare ricco di iodio.

Palermo - Golfo di Mondello

Golfo di Mondello – Ph. R. Iannì

Il borgo marinaro – detto “la piazza” – ci aspetta per rifocillarci con i suoi caffè e ristoranti sul mare, o i take away di frutti di mare, i panini gustosamente prêt à porter. La stagione balneare va da maggio a settembre: in questo periodo la spiaggia viene attrezzata con sdraio e ombrelloni e con le caratteristiche variopinte cabine di legno. Mondello abbandona la sua veste invernale solitaria e riflessiva e si riempie di voci spensierate, di creme solari e di ragazzi in motorino. Il cambio di stagione viene segnato dal World Festival On The Beach, la celebre rassegna internazionale di attività acquatiche, che in genere si svolge tra maggio e giugno.

4 – Una prima al Massimo

Un’opera nel teatro lirico più grande d’Italia, terzo teatro europeo per ordine di grandezza architettonica dopo l’Opera di Parigi e la Staatsoper di Vienna…

Teatro Massimo – ph. Giannone

Simbolo della grandeur del periodo Liberty in cui Palermo era così bella ed elegante da affascinare e ospitare le corti europee più ambite. I lavori del teatro furono intrapresi nel 1875 dall’architetto Giovan Battista Filippo Basile e portati a termine dal figlio Ernesto. Oggi si può programmare una visita alla città per poi assistere ad una prima di Opera lirica, di balletto o di musica sinfonica, ritrovando ancora l’atmosfera dei gloriosi tempi dei Florio.
Teatro Massimo

5 – Opera dei Pupi – Patrimonio UNESCO

È il primo Patrimonio italiano che l’UNESCO, nel 2008, ha inserito nella lista dei Patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità.
In tutta l’isola si può assistere a rappresentazioni dell’Opera dei Pupi con bravi artisti pupari che hanno fatto di questa tradizione un’icona d’arte mondiale. I luoghi di rappresentazione teatrale a Palermo, insieme al Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, sono un’attrazione veramente unica.
Izi Travel audioguida

Teatro dei Pupi – Ph. Eric Vanderville

6 – Palazzo Comitini, Palazzo Sant’Elia, Palazzo delle Ferrovie, Palazzo Jung

Andiamo alla scoperta di alcuni, tra i più affascinanti, palazzi storici di Palermo.
Un itinerario pedonale che parte da Via Maqueda, dove troviamo Palazzo Comitini e Palazzo Sant’Elia.

Palazzo Comitini

Palazzo Comitini – Ph. Terradamare

Poi incrociamo l’asse di Via Roma per scoprire l’ex Palazzo delle Ferrovie. Infine, raggiungiamo Via Lincoln per ammirare Palazzo Jung.
Cogliamo così le diverse anime di Palermo: quella barocca con Palazzo Comitini e Palazzo Sant’Elia, i due palazzi settecenteschi dalle maestose facciate. Poi passiamo all’anima déco con l’architettura dei primi del ‘900 dell’ex Palazzo delle Ferrovie. E infine, alla belle époque con l’ottocentesco Palazzo Jung e il suo giardino tropicale.
Scopri di più su izi.Travel

7 – Emotional Tour – Catacombe dei Cappuccini

Un posto dove non andreste neanche morti? Dicono tutti così, poi vanno a vederli. Vi si conservano 8.000 corpi mummificati: dai Cappuccini, agli esponenti di famiglie nobili, dai borghesi ai rappresentanti del clero.
Lo stato di conservazione degli innumerevoli cadaveri esposti, rendono il cimitero del Convento dei Frati Cappuccini, conosciuto come le Catacombe dei Cappuccini di Palermo, uno dei luoghi più impressionanti da visitare al mondo. Uno spettacolo macabro che mette in evidenza gli usi, i costumi e le tradizioni della società cittadina palermitana, che visse dal XVII al XIX secolo. Qui è conservata anche la mummia più bella del mondo: la piccola Rosalia.
Scopri di più sulle Catacombe dei Cappuccini su izi.TRAVEL

Catacombe dei Cappuccini

8 – Palazzo Abatellis – Palazzo Mirto – Piazza Marina, Villa Garibaldi, Palazzo Steri

Palazzo Abatellis. L’Annunciata di Antonello da Messina, da sola, merita una visita… Nell’antico quartiere della Kalsa, il Palazzo Abatellis dagli anni ’50 ospita la Galleria Regionale d’Arte Moderna, curata dalla Soprintendenza dei Beni Culturali. Questa dimora di Francesco Abatellis, maestro Portulano del Regno, risale alla fine del XV secolo ed è un magnifico esempio di architettura gotico-catalana. Alla morte della moglie di Francesco, il palazzo subì diverse modifiche fino a diventare il Monastero di Santa Maria della Pietà. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la struttura fu gravemente danneggiata per poi essere restaurata dall’architetto veneziano Carlo Scarpa. L’obiettivo del progetto era quello di creare armonia tra la struttura e le  opere che conservava al suo interno. L’esposizione fu divisa in sezioni: una raccolta, per la gran parte, di opere scultoree fu sistemata al piano terreno e il primo piano fu destinato alle opere pittoriche.
La sistemazione delle opere è innovativa: l’uso di supporti metallici o lignei su fondi colorati di pannellature in tessuto, in stucco veneziano o in legno, esalta la bellezza dei quadri.
Nelle meravigliose stanze del palazzo storico, troviamo importanti capolavori di Domenico e Antonello Gagini, Filippo Paladini, Antonello da Messina, Francesco Laurana… opere di Pietro Novelli, Antoon Van Dyck, Vito D’Anna ed altri ancora, sono esposte nella nuova ala.

L'Annunciata di Antonello da Messina - Ph. A. Gaetani EspritdeParis

L’Annunciata di Antonello da Messina – Ph. A. Gaetani EspritdeParis

Palazzo Mirto. Una residenza nobiliare bella e densa di storia alla Kalsa, nel centro storico di Palermo. Palazzo Mirto è stato per quattro secoli dimora palermitana della nobile famiglia Filangeri e, successivamente, dei Lanza Filangieri Principi di Mirto da cui prende il nome. La struttura risale al XIII secolo ma ha subito diverse modifiche nel corso del tempo. Gli interni sono arredati con grande cura con mobili e tappeti che vanno dal Seicento all’Ottocento: lampadari di Murano, pannelli cinesi laccati, orologi, arazzi e porcellane. Le sontuose e regali stanze abbracciano una terrazza decorata con una fontana rocaille. La casa-museo si sviluppa su tre piani: al pian terreno troviamo le cucine e le scuderie; il primo piano nobiliare che era dedicato alle feste ufficiali e cerimonie e, infine, il secondo piano che era quello riservato alla ristretta cerchia familiare e agli amici più intimi.

Palazzo Mirto - Palermo

Palazzo Mirto – Palermo

Piazza Marina, Villa Garibaldi e Palazzo Steri.
Villa Garibaldi,  in piena Piazza Marina e nel centro storico del quartiere Kalsa, è lontana dal caos e ha tanti angoli d’ombra utili per le ore più calde. Fu realizzata tra il 1861 e il 1864 dall’architetto Giovan Battista Filippo Basile e dedicata all’eroe Giuseppe Garibaldi per celebrare la nascita della nazione italiana. Tante sono le piante esotiche che vi ritroviamo, tra cui il maestoso Ficus macrophylla subsp. Columnaris o Ficus magnolioide, albero tipico delle foreste pluviali. Con i suoi 10.000 metri cubi di chioma fogliare è il più grande albero d’Europa. Ecco perché è sempre ammirato da tanta gente proveniente da tutte le parti del mondo.

Ficus macrophylla di Villa Garibaldi

La sera, piazza Marina si trasforma: locali per gustare piatti tipici e vini locali, pub per un aperitivo anche con musica live e canti popolari, cibo da strada di tutti i tipi. La domenica mattina c’è il colorito e caratteristico mercatino dell’antiquariato, ricco di oggetti, di vestiti vintage, di libri e tanto altro a prezzi modici. Proprio di fronte al giardino, visitiamo il maestoso Palazzo Chiaramonte, detto anche Steri, oggi sede del Rettorato dell’Università. Originariamente abitazione della famiglia Chiaramonte, divenne sede dell’Inquisizione. All’interno del complesso, troviamo le prigioni diventate famose per i graffiti lasciati dai detenuti, testimonianza unica delle sofferenze patite. A due passi, la splendida Chiesa di Santa Maria della Catena, tra la piazza e l’antico porto della Cala, costruita nel XV secolo e simbolo per eccellenza della tradizione gotico catalana.

Chiesa Santa Maria della Catena - ph. I. La Barbera

Chiesa Santa Maria della Catena – ph. I. La Barbera

Per i più romantici, altrettanto emozionante è il tour in carrozzella, dalla quale si possono godere le bellezze del centro storico.

Palermo - ph. Robianni

Palermo – ph. Roberta Iannì

9 – Cappella Palatina

La Cappella Palatina è l’ambiente che da solo vale una visita a Palermo. Iniziata nel 1130, anno dell’incoronazione di Ruggero II a primo re di Sicilia, fu completata nell’arco di 13 anni e consacrata, come attesta un’iscrizione nella cupola, nel 1143. In questa chiesa, definita da Maupassantil più bel gioiello religioso sognato dal pensiero umano“, si attua, tradotto in termini visivi, la fusione dei molteplici caratteri di cui la Sicilia era formata: l’europeo, il siciliano, il bizantino, l’arabo.
La Cappella ha la forma di una basilica occidentale a tre navate, divise da colonne di granito con ricchi capitelli corinzi dorati. Sempre di stampo occidentale, seppure influenzati dal gusto meridionale, i pavimenti decorati e gli intarsi dei gradini, delle balaustre e della parte inferiore dei muri ed il gigantesco ambone (palchetto per le omelie), incastonato d’oro, malachite e porfido, ed il candelabro pasquale, un vero e proprio bestiario di marmo, donato dall’arcivescovo Ugo di Palermo in occasione dell’incoronazione di Guglielmo, figlio di Ruggero II.
I mosaici sono i più bei prodotti dell’arte bizantina, senza eguali in alcuna delle chiese di Costantinopoli. Si distinguono, fra gli altri, il Cristo Pantocratore della cupola, gli angeli che lo circondano e gli Evangelisti assorti nei loro studi, i mosaici più antichi della cappella.
La tradizione islamica è infine rappresentata dal soffitto ligneo a “muqarnas” (stalattiti), imprevedibile copertura per una chiesa cristiana. Si tratta infatti del classico soffitto che ci aspetteremmo di trovare nelle moschee più grandi ed eleganti e non in una chiesa. Intricate decorazioni ornano le stalattiti e, caso più unico che raro nella storia dell’arte islamica, si tratta di decorazioni comprendenti figure umane. Gli artisti arabi, nell’atmosfera tollerante della Palermo normanna, si convinsero ad azzardare questo tipo di figurazioni e così, con l’aiuto di un binocolo, possiamo distinguere realistiche scene di vita quotidiana di dignitari ed ancelle affaccendate.

Cappella Palatina – Ph. Miguel Angel (flickr.com)

itinerario arabo normanno 

10 – Street food e antichi mercati

La classifica, redatta dal network americano Virtual Tourist, pone Palermo al 5° posto tra i migliori produttori di cibo da strada al mondo.
Lo street food tour è un must insieme ai tour degli antichi mercati palermitani,  la Vucciria e Ballarò e poi il Capo e Borgo Vecchio, oggi animati dalla movida cittadina che li ha scelti come luoghi di ritrovo serale.

Mercato di Ballarò ph. Marta Mannarano

Un modo facile e rapido (generalmente una mattinata o un tour by night) per attraversare un paio di millenni di storia, arte, profumi, sapori e civiltà diverse.
Nell’intreccio dei vicoli puoi trovare di tutto: tra bancarelle ricolme di mercanzia coloratissima, i palermitani spesso usano mangiare per strada cibi cotti da spiluccare con le mani.

Polpo bollito - Ph. Marta Mannarano

Polpo bollito – Ph. Marta Mannarano

Panelle e cazzilli, pane con la milza, arancine, sfinciuni, stigghiole, polpo bollito, sono solo alcune delle specialità che hanno reso Palermo una delle capitali mondiali del cibo di strada.

Panelle e cazzilli- ph Annibale Cerrati

Panelle e crocché – ph Annibale Cerrati

Tra gusto e tradizione il Sanlorenzo Mercato merita una visita a parte. Si trova all’interno di un’antica fabbrica agrumaria degli anni ‘40, restaurata accostando la struttura originale ad inserti dal design moderno, con un occhio particolare all’arte riuso. Diverse specialità culinarie in nove botteghe e una selezione di circa 2.800 prodotti provenienti da 250 fornitori siciliani.
Puoi fare la spesa o mangiare pietanze già cucinate secondo le ricette della tradizione locale. Un vero e proprio mercato al coperto che raccoglie alcune tra le più interessanti realtà enogastronomiche selezionate: dai presìdi Slow Food, fino a tutti gli altri prodotti che danno origine alla straordinaria biodiversità della Sicilia, con i suoi 29 prodotti tra DOP e IGP e 41 Presìdi.
Puoi scegliere tra  frittura di pesce e centrifugati di verdura e frutta fresca, dallo sfinciuni alla mortadella d’asina. Trovi persino il tè e la frutta esotica di Sicilia.
Inoltre, puoi assistere a showcooking, degustazioni, lezioni di cucina con chef ed enologi, concerti e spettacoli per tutte le età.

Sfincionello - ph. M. Mannarano

Sfincionello – ph. M. Mannarano

Nei dintorni di Palermo

Villa Palagonia - Sala degli speccchi - ph Amarisla

Villa Palagonia – Sala degli speccchi – ph Amarisla

Palermo su Tripadvisor

Coste di Palermo in elicottero