Tra Messina e Catania, il fascino, la suggestione, il richiamo delle “Gole”, famose in tutto il mondo. Circa 50 km di asta fluviale, con aspetti naturalistici unici e inconsueti. Eventi geologici e geotermici di notevole intensità hanno determinato la struttura degli attuali basalti. Sembra che in epoca preistorica un fiume scorresse su sedimenti argillosi; poi enormi eruzioni vulcaniche incanalarono nel letto di quel fiume un magma fluido, che sprofondò nei tratti più argillosi, determinando gli attuali colonnati basaltici. L’apoteosi di queste spettacolari sculture della natura, si trova a Motta Camastra – contrada Larderia.

Una giornata alle gole. Sarà bene arrivare non troppo tardi e meglio se fate il biglietto on-line. La struttura dispone di grandi ascensori per la discesa alle gole e servizi di gastronomia. L’acqua del fiume Alcantara è molto fredda, è  possibile noleggiare stivaloni di gomma, ma se venite in estate, potete anche farne a meno. Giù vi attende una piccola spiaggia di ciottoli dove  potete stendervi al sole e rinfrescarvi nel fiume scrosciante. Oppure risalirlo in parte  contro corrente, addentrandovi nello spettacolo meraviglioso delle gole. I più coraggiosi si immergono completamente, gli altri prima o poi, lo faranno involontariamente …

A 5 minuti dall’entrata troviamo l’ingresso comunale gratuito per l’accesso ad una fruizione delle gole dall’alto (asciutta). Un percorso botanico che ci consente di ammirare il parco senza scendere sul fiume.

E’ anche possibile fare discese del fiume Alcantara in Kayak con vari livelli di difficoltà, con il supporto di associazioni sportive

LE GOLE DI TIBERIO

gole di tiberio

gole di tiberio

Le Gole di Tiberio sono lunghe più di 250 metri, si trovano sul fiume Pollina nel Parco delle Madonie, sito Geopark riconoscito dall’UNESCO. Dopo una lunga discesa di scalini, si raggiungono le gole (sembra devono il loro nome all’imperatore Tiberio cui sarebbero state dedicate).

gole del tiberio

gole del tiberio

Si tratta di un luogo molto rilassante, dove accompagnati potrete visitare le gole scivolando sull’acqua con piccoli gommoni per raggiungere due piccole spiagge. Da non perdere gli affascinanti borghi madoniti di Pollina e San Mauro Castelverde.

Da vedere: Fossili di Gasteropodi nella roccia delle pareti, i numerosi nidi di uccelli anche a pochi centimetri dall’acqua, le grotte dei briganti e le leggende legate a loro e al luogo, famosa quella del Miricu e del Mostro, i giochi di luce che si creano tra l’acqua e le pareti, il contrasto tra venti caldi esterni e frescura interna e, se si è fortunati, anche il volo dell’aquila reale.

rane alle gole di tiberio

rane alle gole di tiberio

Per arrivarci  seguire la segnaletica che parte dalla statale in direzione di San Mauro. Dopo una decina di chilometri si lascia la provinciale e si percorre una stradella che dopo un po’ diventa sterrata. Parcheggiare prima della scalinata di 400 gradini.