La festa in onore di San Calogero, ad Agrigento, è insieme folklore, tradizione e devozione. I festeggiamenti durano otto giorni, dalla prima alla seconda domenica di luglio. La storia racconta che il santo “nero” era arrivato in Sicilia per evangelizzare e diffondere la fede cristiana. San Calogero, oltre a predicare, si prendeva cura dei poveri malati e dei malati, che curava usando le acque sulfuree delle grotte di origine vulcanica in cui si ritirava in eremitaggio.

processione-san-calogero

Processione San Calogero – Ph. Lillo Micciché

Durante un periodo di pestilenza, andò nel villaggio per procurarsi il pane per i poveri, e la gente, rintanata in casa per paura del contagio, lanciò il pane dalle finestre. Ed è questo l’episodio che gli agrigentini rievocano, lanciando dei piccoli pani con semi di sesamo e di finocchio al passaggio della statua del santo taumaturgo.

Ancora oggi, numerosi fedeli si recano in pellegrinaggio, al santuario del Santo, a piedi nudi, per ringraziarlo della grazia ricevuta, e i bambini indossano una veste bianca.

Nei giorni dei festeggiamenti la processione della vara viene preceduta dal suono di una banda di fragorosi tamburi che girano per le strade, tra le bancarelle che espongono prodotti locali. Viene allestita anche una fiera di animali e attrezzi per l’agricoltura.San calogero turismo religioso agrigento

Il giorno della festa l’Alborata, uno sparo di mortaretti, segna l’inizio dei festeggiamenti. A mezzogiorno la vara che trasporta la statua del santo percorre le stradine più antiche e poi rientra in chiesa per uscire nuovamente nel pomeriggio e percorrere le vie del centro accompagnata dalle autorità civili e religiose.

Dopo lo spettacolo pirotecnico, ‘a maschiata di San Calò e la fiaccolata, la statua del santo rientra al Santuario.