In Sicilia, appena sotto il pelo dell’acqua è possibile scoprire un mondo di inaspettata bellezza, un vero paradiso per chi pratica le immersioni e lo snorkeling, con i suoi fondali dai colori meravigliosi: il bianco nelle cave di pomice di Lipari, le infinite sfumature di blu cobalto a San Vito Lo Capo, i colori scuri nell’isola di Pantelleria e una fauna ricchissima con paesaggi sottomarini sempre diversi, plasmati dai movimenti geologici e dalla lava dei vulcani.

Uno dei fondali più suggestivi lo troviamo a Ustica, piccola isola di fronte Palermo, prima riserva marina italiana e autentico paradiso dei sub, sia per i principianti che per gli esperti. Alla Secca della Colombara facciamo una delle immersioni più belle ed affascinanti di tutto il Mediterraneo. Allo Scoglio del Medico ci immergiamo tra banchi di cernie e saraghi, ricciole e barracuda, occhiate e salpe, aguglie e aragoste. Nella Grotta dei Gamberi, dopo Cala Galera, minuscoli e prelibati gamberetti e strutture eteree degli spirografi ricoprono il fondale.

Secca della colombara, Ustica - ph. Dario Di vincenzo

Secca della Colombara, Ustica – ph. Dario Di Vncenzo

Nelle Eolie, a Lipari, a Punta Castagna, tra il blu del mare e il bianco della pomice contrasti e sfumature da lasciare senza fiato, vivacissimi fondali di pietra vicino alla Sciara di Fuoco a Stromboli, con miriadi di spugne e gorgonie tra le nere rocce del vulcano; esploriamo il cratere sommerso davanti a Pollara, a Salina, o un’altra Grotta dei Gamberi a Filicudi. A Panarea un’intensa attività di fumarole sottomarine la vediamo semplicemente con lo snorkeling. Questo fenomeno è dovuto alla fuoriuscita di gas vulcanici che premono sotto la crosta terrestre. In tutte le zone vulcaniche e nelle Isole Eolie ci sono queste affascinanti fumarole.

A Pantelleria, esploriamo Punta Spadillo, suggestiva e particolarmente profonda (il fondale è a quasi 200 metri, a poca distanza dalla costa).

fondale Pantelleria

fondale Pantelleria

L’isola di Marettimo, nell’arcipelago delle Egadi,  è il luogo ideale per fare le immersioni in grotta, prendendo tutte le precauzioni del caso;  presso la Cattedrale ci si può tuffare per  visitare, a 30 metri di profondità,  una maestosa grotta con stalattiti e stalagmiti.

Marettimo - ph. Dario Di Vincenzo

Marettimo – ph. Dario Di Vincenzo

Linosa, isola dell’arcipelago delle Pelagie, ha numerosi siti di immersione. Tra i più belli la Secchitella, con due pinnacoli alla profondità di 4 e 12 metri che, nella parte più profonda, raggiunge i 70 metri!

Anche Lampedusa, oltre alle bellissime spiagge, ha magnifici punti di immersione perfetti per esperti e meno esperti.

Non mancano i relitti! Oltre al fascino della natura selvaggia nei fonadali siciliani troviamo anche testimonianze umane sommerse da anni, se non da secoli: la motonave Kent, conosciuta anche come la Nave dei Corani, nei pressi della Riserva naturale dello Zingaro (Trapani), tra i 45 e i 50 metri di profondità; i resti romani di Cala Gadir a Pantelleria, con frammenti di una nave punica e un’ancora romana e il relitto di Lisca Bianca a Panarea.

Elenco Ufficiale Scuole Sub

Elenco Guide Subacquee