Il treno dei pani e dolci votivi degli Iblei

da Catania con tappe di sosta a Palazzolo Acreide e Siracusa

Locomotiva elettrica d’epoca e carrozze degli anni ’30 “Corbellini” e “Centoporte”

5 maggio 2019

Programma turistico

L’itinerario prevede il viaggio in treno storico fino a Siracusa, da cui si raggiunge in pullman Palazzolo Acreide, per scoprirne le testimonianze archeologiche, lo splendido barocco, l’identità agraria raccontata nella Casa Museo e nei mulini. Una tappa a  Palazzo Vaccaro prevede laboratori del gusto a cura di Slow Food e una mini degustazione di prodotti tipici.  La visita riprende a Siracusa, per lasciarsi coinvolgere nell’incontrare le sue gemme, che popolano diffusamente dall’età antica al barocco la Neapolis e la fitta trama viaria dell’Isola di Ortigia.

Il programma  è gentilmente offerto dal GAL NATI IBLEI ed include le guide e i laboratori del gusto, mini assaggi presso Palazzo Vaccaro.

 

Racconto di viaggio

Il treno da Catania conduce i viaggiatori alla scoperta del territorio del siracusano, dopo essersi lasciato alle spalle la piana di Catania e le pendici dell’Etna, percorso l’Oasi del Simeto, le piane di Lentini e di Augusta e giunto infine a Siracusa. Da qui in pullman ci si addentra verso le aree interne dell’altopiano ibleo.

Palazzolo Acreide, prima tappa del viaggio, è patrimonio mondiale dell’Umanità ed è inserita tra i Borghi più belli d’Italia. E’ il sito della città greca di Akrai con il teatro greco che ospita il Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani, e il gruppo di sculture della Dea Madre, i Santoni, scolpite nella roccia. Il terremoto del gennaio 1693 ha risparmiato queste opere ma ha pesantemente danneggiato il borgo che, come gli altri centri Iblei, è stato ricostruito con ottime architetture religiose (la Chiesa madre di S. Paolo, le Chiese di S. Sebastiano, dell’Immacolata, dell’Annunziata) e civili (i Palazzi Zocco Judica e Ferla Bonelli). Siamo all’interno di un territorio con prodotti di eccellenza come i Mieli di Sortino e degli Iblei, le Mandorle di Noto e Avola. La vocazione agricola della comunità trapela nella confezione e offerta di pani votivi nelle principali feste religiose, come le Cuddure in onore di S. Paolo a Palazzolo Acreide o i Pani di S. Giovanni per il Battista a Monterosso Almo. Un viaggio alla scoperta di quest’identità agraria deve far tappa al Mulino ad acqua S. Lucia, o alla ex Masseria Musso, o alla  Casa Museo realizzata dal poeta e antropologo Antonino Uccello con una grande raccolta di oggetti della vita quotidiana e la ricostruzione degli ambienti di una casa tradizionale.

La seconda tappa del viaggio è a Siracusa, luogo ricco di miti (Alfeo e la Ninfa Aretusa, Artemide e Diana, Anapo, Ninfa Ciane), musei (il Paolo Orsi e la Galleria Bellomo soprattutto), splendide opere d’arte. Capitale nel Mediterraneo antico per produzione culturale, forza militare e capacità strategica, mostra testimonianze preziose di questa fase di grande potenza nelle poderose fortificazioni del Castello Eurialo, nelle architetture che popolano la Neapolis, come il teatro che annualmente diviene palcoscenico internazionale per la tragedia greca e la commedia. L’isola di Ortigia è il nucleo storico più prezioso, protetto dalla poderosa mole del Castello Maniace e al suo centro è la Cattedrale barocca realizzata sul tempio greco dedicato ad Athena, miracolo architettonico al centro di una delle più belle piazze dell’urbanistica barocca, da percorrere nella sequenza ininterrotta delle facciate (i palazzi Vescovile, del Senato e Beneventano, la Badia di S. Lucia), o da attraversare nelle viscere degli ipogei sottostanti, o da rileggere nella parola scritta di viaggiatori e scrittori.  Siracusa è luogo da vivere anche attraverso chiavi di lettura insolite, percorrendone le catacombe in tarda estate, oppure osservando le tappe inventive di Archimede nello spazio a lui dedicato.

Duomo Ortigia - ph.Ignazio Mannarano

Cattedrale ad Ortigia – ph.Ignazio Mannarano

Info, orari, fermate, tariffe e modalità di acquisto dei biglietti su Fondazione FS

☑️  Pagina Facebook Fondazione FS

️ Eventi: #domenicalmuseo domenica 5 maggio ingresso gratuito in tutti i musei e aree archeologiche in Sicilia 

☑️  Torna a Treni Storici del Gusto – Sicilia 2019