Rosso, tondo e intensamente profumato. Croccante fuori e morbido dentro, il pomodoro di Pachino in bocca è un’esplosione di freschezza, polpa dolce e salata allo stesso tempo, che racchiude tutti i sapori della terra in cui nasce.

Una cassetta di Pachino – ph. Antonio Gravante

Il pomodoro di Pachino IGP non è una specie autoctona dell’isola, ma una varietà prelibata – o meglio due, Noemi e Rita, seguite poi da Lucinda e Shiren e altre ancora – ottenuta con un’accurata selezione non OGM da un’azienda israeliana, e introdotta in Sicilia.

Solamente nelle campagne di Pachino e nelle punte più a sud della Sicilia, come Ispica, Noto e Porto Palo di Capopassero, questo pomodoro offre il meglio di sé: ciliegino, costoluto, datterino, tondo, ovale, liscio o a grappolo – è il protagonista di sughi, insalate, pietanze saporite e profumate.

pachino 2

ph. Giuseppe Santoro

In tutti i supermercati c’è questo “gioiello” apprezzato dai buongustai di tutto il mondo.

Sarà per la salinità dell’acqua per l’irrigazione, sarà per l’elevata esposizione al sole, per il vento, per la brezza marina o per l’alchimia di tutti questi elementi insieme, il nostro ortaggio ha eccezionali proprietà nutritive, antiossidanti e ricche di vitamine, di alto valore nella dieta mediterranea, riconosciuta nel mondo patrimonio immateriale UNESCO.